Archivi tag: libri

GIANCARLO FERRON – La zampata dell’orso


[Pag. 182 – Anno 2010 – € 12,50 – Edizioni Biblioteca dell’Immagine]

 

  “La zampata dell’orso” è il sesto libro di Giancarlo Ferron. E’ suddiviso in due parti: la prima racconta la storia vera dell’orso Dino, che nel 2010 è passato per le nostre montagne, dalla Lessinia all’altipiano di Asiago creando non pochi allarmismi. Ferron, quale guardiacaccia della Provincia di Vicenza, racconta la sua esperienza con “Dino” in prima persona: “L’orso è partito dalla Slovenia, è arrivato nei boschi vicentini, dove l’ho incontrato e seguito da vicino…”. Continua a leggere

GIONATAN SQUILLACE – L’inverno dello straniero


[Pag. 80 – Anno 2010 – € 12 – Edizioni Pendragon]

 

Intervista a Gionatan Squillace

di Amedeo Tosi

«Ti piace tenere il lettore col fiato sospeso, eh?». Inizia così, con un fuori onda, scherzosamente, questa intervista al giovane Gionatan Squillace, autore del romanzo d’esordio «L’inverno dello straniero», un noir ambientato nelle montagne valdostane e intriso di immagini di dolore, vendetta, ricerca del profitto. Ma non solo. Anzi, come ogni buon noir che si rispetti, soprattutto “non solo”. «L’inverno» di Squillace è uscito nel mese di dicembre 2010 per i tipi delle Edizioni «Pendragon» di Bologna, ed è presente quindi da alcuni mesi sugli scaffali delle librerie. Inoltre è già stato presentato al pubblico della nostra regione nel corso di svariati incontri letterari. E lo sarà ancora. Molti lettori de «Losservatore» forse avranno già sentito parlare di Gionatan -risiede a continua a leggere…

MARCO BOLLA – Boche de piéra




[Pag. 36 – Anno 2010 – € 2,50 – Stampato in proprio]

Disponibile presso la Libreria La Piramide di S. Bonifacio

Resoconti sensibili, sono questi piccoli racconti in versi, di uno scrutare la terra e gli uomini che l’abitano superficialmente. Schegge di un’esistenza osservata da angoli angusti. Frammenti di una quotidianità che serba anche piccoli miracoli d’eternità nella sua spaventevole disgregazione, come spiati di traverso da uno stomaco aggrovigliato di ricordi, che una mano sconosciuta tenta di sciogliere e alleggerire usando tutte le forze e le attenzioni rimaste ad un’eredità che stenta a farsi chiara. Continua a leggere…>>